ARMANDO NICOLETTI




Mostra di Livio Caruso - DDS, in omaggio a Lin Delija, artista albanese (Scutari 1926 - Roma 1994)
Collaborazioni: Associazione Culturale "Lin Delija" e Biblioteca Statale Isontina di Gorizia

Ricordo di Lin Delija

Nel 1972, attraverso l'allora preside dell'Istituto d'Arte di Rieti Italo Crisostomi e la professoressa di Storia dell'Arte Anna Maria Dell'Agata, entrai in contatto con Lin Delija, al quale portavo periodicamente - su indicazione del preside - libri riguardanti l'arte e la pittura (soprattutto del rinascimento). Tra i vari libri ricordo quelli scritti dal famoso storico dell'arte Andre' Chastel. Percio' leggevo anche io quanto portavo a Lin. Ho ancora in mente la casa laboratorio in fondo a via Giuseppe Mannetti, allora vicolo cieco. Ricordo il luogo come uno spazio antico e magico, pieno di colori e di profumo di olio di lino. Le pareti erano come un patchwork coloratissimo. Ma anche l'esterno era pieno di suoi lavori. A volte andavamo in una taverna a meta' di via Cutilia a mangiare mortadella o coppa di testa con le bucce di arancia accompagnate da Montepulciano.
In quel periodo Lin dipingeva essenzialmente ad olio. Lo ricordo molto bene. L'influsso di Lin rispetto i miei lavori iniziali e' stato significativo, soprattutto rispetto le tematiche del nudo, delle scene religiose e delle crocifissioni. Contribui' anche a farmi conoscere il mondo francescano, che tanto lo riguardava. A Rieti spesso andavo in solitudine sul colle San Mauro, al Convento dei frati cappuccini (ordine francescano), li mi piaceva pensare e riflettere.
Credo che la suggestione di Lin e dei Cappuccini su di me perduri tutt'ora, anche sui ragionamenti che continuamente faccio sulle questioni della fede e della vita. Ricordo Lin ruvido, schietto, sofferto, colorito, forte, profondo, carnale e intenso. Non sempre portava il berretto tradizionale albanese, il Qeleshe. Lo vidi anche con il basco francese. Mi colpi' talmente che ne acquistai anche io uno, e da allora a volte ancora lo utilizzo.
Nel 1977 mi trasferii in Friuli. Dal 1981 a Gorizia. Ora, dopo oltre quarant'anni, stando qui a Gorizia, ho ritrovato parte del mio passato, i miei luoghi di origine. Per anni avevo tentato di ricordare il nome di quell'artista, che il tempo non mi ha fatto dimenticare la personalita' (solo il suo nome e cognome), che avevo frequentato tra il 1972 e il 1973 ad Antrodoco. Poi un giorno, guardando immagini su facebook relative a Canetra di Castel Sant'Angelo e ad Antrodoco mi imbatto sul Museo a lui dedicato: Museo della citta' "Lin Delija-Carlo Cesi".

Ecco: Lin Delija !!!.

Ho ricordato cosi' anche Anna Dell'Agata: trovo su internet che aveva creato l'Associazione culturale "Centro Agathe'" a Pineto in provincia di Teramo, e ne ricavo il contatto telefonico. Mi son fatto coraggio e l'ho chiamata. Dopo i primi intensi contatti telefonici, Dell'Agata mi ha messo in contatto con Armando Nicoletti, che scopro socio fondatore dell'Associazione Culturale "Lin Delija". E' storia di questi giorni il ricco scambio, a distanza, di ricordi, informazioni e proposte tra me e le persone che fanno parte o ruotano attorno all'Associazione e al Comune di Antrodoco. Tramite Armando vengo in contatto con Luca Cipolloni, Assessore alla cultura.
In tutto cio' vi sono circostanze e coincidenze a dir poco strabilianti. Fato? Destino? Semplice casualita'? Chissa'... Abbiamo deciso di incontraci, comunque, durante questa estate 2018 per dare corpo a questo tempo ritrovato sotto l'egida dell'arte.

Livio Caruso-DDS, luglio 2018

Informazioni Evento:

Data Inizio: 30 luglio 2018
Data Fine: 02 agosto 2018
Costo del biglietto: gratuito
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Antrodoco, Museo della citta' 'Lin Delija - Carlo Cesi'
Orario: 10.00-12.00 / 15.00-18.00
Telefono: +39 0746578185
E-mail: culturaesport@comunediantrodoco.it

ARMANDO NICOLETTI

Giovedi' 3 maggio 2018, Sua Eccellenza Ambasciatrice di Albania in Italia Anila Bitri Lani, assieme alla Responsabile Cultura e Stampa dell'Ambasciata, Gerarta Zheji Ballo, e' stata ospite dell'Associazione culturale "Lin Delija" di Antrodoco, accolta dal presidente Pasquale Chiuppi, dai soci Armando Nicoletti, Donato Paluzzi e Alberto Minelli. Dopo l'accoglienza presso la sede dell'Associazione, l'Ambasciatrice ha visitato il Museo intitolato all'artista Lin Delija (Scutari 1926 - Roma 1994). Anila Bitri Lani ha espresso innanzitutto il personale sentimento di orgoglio per l'opera del Maestro, testimonianza forte e profonda della cultura albanese in Italia, ringraziando poi l'Associazione per l'evidente dedizione, passione e amore per l'opera del grande pittore che tutti i soci dimostrano nella quotidiana azione divulgativa e propositiva.

ARMANDO NICOLETTI

In occasione dell'anno Europeo della cultura, l'Associazione Culturale Lin Delija di Antrodoco presieduta da Pasquale Chiuppi ha effettuato una gita culturale a Malta per partecipare a vari eventi commemorativi. Nel corso del soggiorno i soci hanno avuto la possibilita' di visitare la Valletta, il Palazzo del Governo, la Cattedrale e l'opera del Caravaggio a Malta. E' seguita poi una visita al Comune di Mdina che da gennaio 2017 custodisce un'opera del pittore Lin Delija che venne donata in segno di amicizia da Armando Nicoletti fondatore del sodalizio di Antrodoco. In questa circostanza la Delegazione ha incontrato il Sindaco della citta' di Mdina Notabile Peter Sant Manduca dove il presidente Chiuppi ha portato il saluto di tutti i soci del sodalizio, lasciando in dono una riproduzione di un antico affresco di Santa Maria extra moenia.

Alle spalle opera del maestro LIN DELIJA

ADMIN

L'Aquila: Il gigante e il bambino.

Mostra di pittura di LIN DELIJA e il piccolo NOEL NDOCI artista Albanese, erano presenti autorita' civili e molte rappresentanze Arberesc